Vai al contenuto
Dungeon e Draghi » Lore » Lore Personaggi » Elminster Aumar

Elminster Aumar

Elminster Aumar

Elminster Aumar, noto anche come il “Saggio di Shadowdale” e il “Vecchio Mago”, è uno dei maghi più potenti e famosi di tutto il Faerûn. Molti credono che abbia contribuito alla fondazione della città di Waterdeep, o semplicemente alla creazione del sistema di Lord che la governano.

In quanto mago di alto livello, è in grado di assumere quasi ogni aspetto immaginabile. Nel suo stato originario, Elminster appare come un anziano dagli occhi vigili, dalla folta barba grigia, la voce roca e i lineamenti segnati dal tempo. Raramente lo si vede senza la sua pipa di schiuma di mare.

Oltre che mago, è anche un abile combattente e ladro, nonché narratore e un attore naturale. Sa essere serio, temibile e arrogante ma allo stesso tempo scherzoso, affascinante ed intelligente.

Egli russa fragorosamente ma il rumore si attenua magicamente per non disturbare gli amici. Va notato che, in quanto Prescelto di Mystra, Elminster non ha bisogno di dormire ma non rivela molto facilmente questa informazione.

Tra le tante abilità, è anche un bravo sarto, creatore di abiti lussuosi e talvolta magici.

Storia di Elminster

Elminster nacque nel regno di Athalantar nel 212 CV da Elthryn, il signore del villaggio di Heldon e principe di Athalantar, e sua moglie Amrythale. All’età di 12 anni, perse i genitori per mano di Undarl, un mutaforma incantatore malvagio proveniente dal Piano delle Ombre, che li uccise e usurpò il trono. Il giovane Elminster prese la spada spezzata di suo padre e scappò ad Hastarl, capitale di Athalantar, dove iniziò a lavorare come ladro. Durante un furto, incontrò Dorgon “Stonecloak” Heamilolothtar, Magister di Mystra dell’epoca, il quale gli chiese se desiderasse diventare un mago. Il giovane Elminster rifiutò in quanto fu proprio un incantatore a mettere fine alla vita dei suoi genitori.

L’incontro con Mystra

Dopo una serie di avventure, Mystra, la dea di tutta la magia, visitò Elminster. Trascorse del tempo con lui convincendolo ad imparare la magia e, per rafforzare il suo legame con la trama, lo trasformò in una donna, “Elmara”. In seguito, Myrjala, un avatar di Mystra, portò Elmara da un antico arcimago che la aiutò a trasformarsi nuovamente in Elminster.

Egli apprese molto sulla magia, finché non poté finalmente vendicarsi contro i malvagi signori di Athalantar. La battaglia fu terribile, ma Elminster vinse e alla fine rivendicò il trono del regno. Tuttavia, egli non voleva regnare e, nel 240 CV, abdicò lasciando il trono a Helm Stoneblade, un cavaliere di Athalantar. Quando Elminster lasciò il regno, sorprendentemente Undarl era ancora vivo e lo attaccò. Mystra si rivelò nella sua forma più potente e distrusse il nemico. Subito dopo, la dea propose ad Elminster di diventare uno dei suoi Prescelti e lui accettò.

Intorno al 241 CV, Elminster si recò nella città di Myth Drannor, considerata da molti l’apice della conoscenza del Faerûn. Qui, continuò i suoi studi magici come apprendista fino al 331 CV, quando Mystra gli chiese di lasciare la città.

La lealtà di Elminster

Mentre era in viaggio, Elminster entrò in una tomba e vi rimase intrappolato in stasi per circa un secolo. Emerse dalla tomba polverosa nel 759 CV.

Ormai, la magia era diventata inaffidabile ed Elminster dovette imparare di nuovo a sopravvivere grazie alle abilità acquisite in precedenza. Azuth, il Dio di tutti i maghi, andò da lui dicendogli che non avrebbe dovuto fare affidamento su Mystra per chiedere aiuto come qualsiasi altro Prescelto. Questo fu il primo test della dea della magia. Egli proseguì quindi, senza chiedere l’aiuto divino.

Ancora una volta Mystra decise di mettere alla prova Elminster e testare la sua fedeltà. Orchestrò un falso rituale a Bane, Dio della tirannia, ma il saggio di Shadowdale si dimostrò leale alla dea della magia.

Il Periodo dei Disordini

Nel 1358 CV ebbe inizio il Periodo dei Disordini, durante il quale le divinità del Faerûn furono costrette a camminare sulla terra nelle loro forme mortali di avatar. Mystra passò tutti i suoi poteri ad una maga umana, “Mezzanotte”, in modo che la sua essenza non andasse perduta. Elminster, in quanto Prescelto di Mystra, vide il suo potere indebolito.

Durante questo periodo, il Vecchio Mago difese Shadowdale contro un esercito Zhentarim, la più grande compagnia malvagia di mercenari nel Faerûn. Il comandante nemico, un avatar di Bane, entrò in combattimento diretto con Elminster. Quest’ultimo usò un incantesimo per sbarazzarsi dell’avatar ma entrambi furono colpiti e spediti in altri piani di esistenza.

In assenza di Elminster, gli altri Prescelti di Mystra tennero a bada le forze del male fino al momento del suo ritorno.

Il ritorno

Al suo ritorno, esausto dalle lunghe battaglie, Elminster tornò a Shadowdale e trovò la città sotto assedio dagli Shadovar, i Principi dell’Ombra. Nello scontro, Storm Silverhand, un’altra Prescelta, colpì uno dei nemici con il Fuoco Argenteo, un’abilità speciale concessa solo ai Prescelti di Mystra. Il Fuoco Argenteo è un raggio di fuoco biancastro, in grado di riportare la trama al suo normale flusso e di perforare le zone di anti-magia. La collisione lacerò il tessuto della realtà, creando una spaccatura nei Nove Inferi. Elminster si rese conto che l’unico modo per chiudere il portale, prima che legioni di diavoli si riversassero su Toril, era sigillarlo dall’altra parte.

Nei Nove Inferi

Elminster, spendendo gran parte della sua forza magica, entrò nel portale e riuscì a chiuderlo di poco. Una volta negli Inferi, fu rapito e ridotto in schiavitù dall’archidiavolo Nergal, desideroso di scoprire il segreto del Fuoco Argenteo di Mystra. Fu sottoposto a brutali torture, sopravvivendo solo grazie alla sua eccezionale resistenza e capacità di guarire se stesso.

Mentre l’arcidiavolo saccheggiava i suoi pensieri e ricordi, Mystra prese coscienza della situazione che il suo devoto servitore si trovava ad affrontare, decise quindi di recarsi negli Inferi per salvarlo. Rendendosi conto che la sua presenza potesse attirare troppo l’attenzione, Mystra si ritirò e inviò alcuni dei suoi prescelti. Il primo fu Halaster Mantello Nero, il Mago Folle di Sottomonte, che però venne sconfitto. Poi fu il turno di Alassra Silverhand, conosciuta anche come la Regina Strega di Aglarond, che dopo molte ricerche, riuscì a trovare Elminster e insieme sconfissero Nergal, per poi fare ritorno a casa.

La Follia di Elminster

In seguito alla morte di Mystra durante il Periodo dei Disordini nel 1385 CV e al crollo della Trama per via della Peste Magica, Elminster fu privato di molte delle sue abilità. Ogni utilizzo della magia, lo portava un passo più vicino alla follia. Molte volte perdeva la ragione e solo Storm era in grado di riportare la calma nella mente di Elminster, permettendogli di lanciare almeno trucchetti e illusioni minori.

Nonostante queste battute d’arresto, i due Prescelti continuarono a combattere il male che imperversava nel Faerûn. Per anni, si finsero “Elgorn” e “Stornara Rhauligan”, riparatori di pietra, arazzi e legno, per non destare sospetti.

Dopo tante altre avventure, nel 1491 CV, Elminster tornò a Waterdeep.

Incantesimi

Elminster creò i seguenti incantesimi.

Le molteplici bocche di Elminster

L’incantesimo, che richiede componenti verbali e somatiche, consiste nell’evocazione di bocche fluttuanti che hanno il compito di consegnare un messaggio registrato da chi lancia l’incantesimo. Funziona indipendentemente dalla distanza tra l’incantatore e i destinatari, a patto che entrambi si trovino sullo stesso piano di esistenza.

Quando c’è solo un destinatario, le bocche lo avvolgono in un cerchio e pronunciano il loro messaggio in coro. Con più destinatari, tutte le bocche appaiono contemporaneamente di fronte a ciascuno di loro e comunicano il loro messaggio all’unisono. Le bocche riproducono l’intonazione, le pause e il tono di voce dell’incantatore.

Più potente è l’incantatore, più bocche possono essere generate dall’incantesimo. Inoltre, i maghi di livello più alto possono creare messaggi diversi per ciascuna bocca.

L’evasione di Elminster

E’ un potente incantesimo inteso a salvare l’incantatore da eventi disastrosi, trasportando mente, anima e corpo in un luogo prescelto. Anche gli indumenti e altri oggetti dell’incantatore vengono trasportati, purché non pesino più di 23 kg ciascuno. Se l’incantatore muore prima dell’arrivo, la sua anima si reca direttamente nell’aldilà.

La destinazione può trovarsi su un qualsiasi piano o semipiano purché l’incantatore l’abbia precedentemente visitato.

Questo incantesimo complesso richiede molta preparazione e prevede che si possano lanciare altri incantesimi subito dopo, ognuno con le proprie componenti verbali, somatiche e materiali. Pertanto, il tempo di lancio dell’Evasione di Elminster è di almeno 10 minuti ma può essere più lungo a seconda degli incantesimi da lanciare eventualmente al suo rilascio.

La fulgida epurazione di Elminster

E’ un incantesimo di abiurazione che crea una serie di sfere fluttuanti che proteggono un individuo dalla magia ostile.

Il numero di sfere prodotte è uguale al livello dell’incantatore. Le sfere, che possono essere direzionate mentalmente dall’incantatore, sono di tonalità argentea, sono inconsistenti e non possono essere attaccate fisicamente.

Ogni qualvolta una magia offensiva o un’abilità magica bersaglia la creatura protetta dall’Epurazione, una sfera scompare, portando con sé l’energia dell’incantesimo. Esiste una versione alternativa che consuma una sfera per ogni livello dell’incantesimo o effetto assorbito. Se una sfera viene colpita dagli effetti di un incantesimo ad area, per esempio Palla di fuoco, essi vengono assorbiti. Se invece, una sfera entra nell’area di effetto di un incantesimo già attivo, come Oscurità, questo non viene assorbito. La maggior parte degli incantesimi di abiurazione e quelli che non bersagliano o danneggiano immediatamente l’incantatore come Muro Prismatico o Mano di Bigby, non sono influenzati dalla Fulgida Epurazione di Elminster. Un’altra versione permette all’incantatore di scegliere quali effetti annullare, ma questo richiede una certa concentrazione.

Una dissolvenza magica sufficientemente potente o un campo antimagia potrebbe annullare l’Epurazione. Alcuni affermano che solo gli incantesimi e gli effetti magici di esseri simili a divini possano superare la protezione delle sfere.

Gli scritti

Elminster ha scritto numerosi libri.

  • Canzoni del vento: I possedimenti di Windsong Tower
  • Arpeggio al chiaro di luna: Approcci alla vita
  • Ecologie di Elminster, una raccolta di animali, piante, creature e fenomeni naturali

E’ noto per aver aiutato Volothamp “Volo” in alcuni dei suoi scritti.

Oggetti magici

Elminster possiede una varietà di potenti oggetti magici:

Avventuriere, io sono Elminster, e ti dico che questi Regni Dimenticati sono da scoprire, riforgiare e difendere per vincere la tua corona. Vai avanti e usa le armi contro i pericoli che ci assalgono!