Vai al contenuto
Dungeon e Draghi » Lore » Lore Luoghi » Waterdeep

Waterdeep

Waterdeep, conosciuta anche come la Città degli Splendori o la Corona del Nord, è la città più importante ed influente del Nord, e forse di tutto il Faerûn. La strada per Waterdeep è ben asfaltata e ben pattugliata. La città è il fulcro del commercio dalle terre ricche di minerali a nord, dei regni mercantili a sud, dei regni del mare interno a est e dei regni e commercianti del mare a ovest.

Si sviluppa sul mare a nord, estendendosi lungo i fianchi del Monte Waterdeep, che ospita il clan nanico di Melairkyn. La grande profondità della montagna è rappresentata dal Sottomonte, un luogo pieno di ricchezze. Proprio per questo, è obiettivo comune per avventurieri che godono della vicinanza delle principali taverne, come la famosa taverna Il Portale Sbadigliante, e templi della città.

Waterdeep fu costruita sul sito dell’antico insediamento elfico di Aelinthaldaar, che lasciò il posto a una comunità agricola di umani, chiamando la città “Tenuta di Nimoar”. Il nome “Waterdeep” era usato dai capitani delle navi che attraccavano per commerciare, in quanto il suo porto naturale è sempre stato caratterizzato da acque profonde. Fu così che il nome fu lentamente adottato nell’uso comune.

La città è il più grande porto magico del Faerûn. Sebbene accolga favorevolmente la maggior parte delle razze spaziali, le leggi di Waterdeep richiedono che tutte le navi atterrino a diverse miglia dalla costa per poi avvicinarsi via mare al porto. I trasgressori vengono puniti con pesanti sanzioni. Questa regola, che vale anche per le navi in partenza, è stata applicata per evitare il panico di massa della popolazione all’arrivo di una nave extra planare.

Storia di Waterdeep

Waterdeep fu fondata veramente nel 1032 CV, l’anno in cui Ahghairon divenne il primo Lord di Waterdeep.

La città crebbe in modo spettacolare, tanto che nel 1248 CV, nacque La Città dei Morti, il più grande cimitero cittadino mai esistito. Iniziarono a crearsi le prime gilde, i cui maestri presero il controllo, inaugurando un periodo di disordini noto come Le Guerre delle Gilde. Queste terminarono nel 1273 CV, quando furono istituiti i Lord di Waterdeep e i Magister. I primi, la cui maggior parte mantengono l’identità segreta dietro i loro elmi, rappresenta tutt’oggi il consiglio che regola tutti i meccanismi amministrativi della città, mentre i Magister, o Vesti Nere, sono coloro che si occupano delle condanne giudiziarie. Da quel momento, la città ha continuato a crescere.

Tra i Lord attualmente rivelati ci sono Laeral Silverhand, prescelta della Dea Mystra, Durnan, il taverniere della locanda Il Portale Sbadigliante e Lord Piergeiron, comandante della guardia cittadina.

Waterdeep è sempre stato un luogo tollerante nei confronti di razze, religioni e stili di vita diversi. Questo a sua volta ha incoraggiato il commercio e Waterdeep è cresciuta fino a diventare una città prosperosa.

Governo

Oltre ai Lord di Waterdeep e ai Magister, esistono altre organizzazioni che controllano e governano la città:

  • le gilde, potenti organizzazioni mercantili e artigianali che controllano gran parte della linfa vitale della città.
  • la nobiltà locale, formata da 76 famiglie di vari gradi di potere, la maggior parte delle quali poteva risalire a prima della fondazione della stessa Waterdeep.
  • i mercanti, operatori di carovane che usano Waterdeep come destinazione per le loro merci.
  • gli avventurieri, sempre al servizio della città.

Crimine e difesa

L’ultima gilda ufficiale dei ladri fu distrutta nel 1300 CV e sebbene ci siano stati molti pretendenti per quella posizione, non ci sono ancora stati gruppi sufficientemente potenti per sfidare i Lord di Waterdeep.

Questo non vuol dire che non ci siano ladri o crimini per le strade di Waterdeep. Piuttosto, il crimine è casuale e disperso, senza un leader o un’organizzazione a comandarlo. Fu fatto un tentativo dal signore del crimine Xanathar, un beholder che ebbe al suo servizio una rete segreta ben sviluppata che, ben presto però, fu smantellata.

A proteggere Waterdeep e i suoi abitanti dal crimine ci sono le forze armate della Guardia Cittadina e le Sentinelle. La Guardia Cittadina rappresenta i soldati e i suoi membri fornivano guarnigioni, pattuglie stradali e posti di guardia ai cancelli. Le Sentinelle rappresentano la polizia locale.

Come ulteriore protezione, ci sono sette gigantesche statue che potrebbero essere animate magicamente, a difesa della città. Sono estremamente distruttive e vengono usate solo per respingere eserciti o vincere battaglie altrimenti impossibili.

Società

Waterdeep è una città cosmopolita formata da circa 100.000 abitanti. Sebbene gli umani costituiscono la maggior parte della sua popolazione, ospita un gran numero di elfi, nani, halfling, mezzelfi e gnomi. Gli abitanti sono persone socievoli e coraggiose.

Visto l’elevato numero di abitanti e la varietà di culture, le divinità adorate dai cittadini sono molteplici.

I templi più grandi della città sono dedicati alle divinità giuste come Oghma, Tyr, Tempus, Gond, Selûne, Mystra, Silvanus e Mielikki, Lathander, Sune e Tymora. C’è anche un grande tempio noto come Plinth, aperto a tutte le fedi.

Sotto le strade della città, si nascondono chiese dedicate a divinità più oscure come Cyric, Talona, ​​Umberlee, Shar, Auril, incluso il Culto del Drago.

Inoltre, la gran varietà di culture ha dato vita a festività cittadine:

  • il giorno di Ahghairon, primo dei Lord di Waterdeep e fondatore ufficiale. Si festeggia gettando violette sotto la torre di Ahghairon, mentre i Lord rivelati fanno il giro di tutte le taverne augurando fortuna.
  • la marea benedetta di Auril, festività spirituale che si svolge all’arrivo dei primi venti invernali. Ogni cittadino indossa abiti bianchi e in quel giorno non si possono servire pasti caldi. Il rito prevede che due file di uomini e donne vestiti solo di un mantello bianco, si tuffino nelle acque fredde della città simboleggiando la rinuncia del loro calore corporeo ad Auril, la dea ghiacciata.
  • il risveglio delle flotte, un festival che celebra il commercio e gli Dei marittimi, con una corsa di navi e canti di marinai.
  • la notte di Liira, divinità della gioia. La festa prevede danze fino all’alba.
  • Trolltide, in celebrazione della fine delle ormai passate invasioni orchesche. I bambini vanno in giro per le case e negozi della città vestiti da troll, chiedendo dolcetto o scherzetto.

Quartieri di Waterdeep

Dal 1035 CV, Waterdeep fu divisa in quartieri:

  • il distretto del Castello, che occupa il centro della città. Qui si trovava il Castello di Waterdeep, il luogo del governo, e la Torre di Staffa Nera, la residenza dell’Arcimago di Waterdeep. La classe sociale che vi abita è medio-alta ed è anche un luogo comune per avventurieri in pensione.
  • Mitshore, una parte del porto ora in rovina e frequentato da criminali.
  • il quartiere del porto, che ospita moli, cantieri navali e magazzini per il commercio marittimo. Il porto è abitato da tritoni che mantenevano la pace all’interno della propria città acquatica.
  • il distretto del sud, caratterizzato da stalle e locande utilizzate maggiormente dai commercianti appena arrivati, per riprendersi dal viaggio.
  • l’area del commercio, ovvero il mercato.
  • la città dei morti, il cimitero della città.
  • il quartiere dei campi, che circonda le mura a nord della città.
  • il distretto del nord, abitato dalla nobiltà.
  • il quartiere marittimo, in cui vi si trovano molti templi sovvenzionati da avventurieri generosi e nobili. Qui si trovano anche l’arena di Waterdeep e il Campo dei Trionfi, usato per gli annunci ufficiali dai Lord di Waterdeep.